A Expo il World Pasta Day 2015

Tre giorni dedicati al piatto simbolo della dieta mediterranea – video

Embed - Condividi questo video

Nella giornata del World Pasta Day, il 25 ottobre a EXPO, si è aperta una vera e propria festa della pasta in cui si racconta la storia di un prodotto unico, incredibilmente versatile, nutrizionalmente prezioso e che salvaguardia l’ambiente.

Leggi di più

Le giornate di studio sono finalizzate a cambiare la percezione sulla pasta informando, educando e incoraggiando a mangiare la pasta, come parte di una dieta e di uno stile di vita sano.

Sono molti infatti i miti legati al consumo di pasta, primo fra tutti quello che la pasta faccia ingrassare. La pasta possiede un basso indice glicemico che favorisce il lento assorbimento del glucosio e che consente di raggiungere un senso di sazietà elevato e quindi di mangiar meno. Un piatto di pasta apporta circa 400 kcal che possono essere facilmente inserite in un regime alimentare equilibrato, ma soprattutto la pasta è una delle protagoniste principali del modello alimentare mediterraneo, un modello che ormai molti studi hanno indicato come una sorta di elisir di lunga vita, protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari e dei tumori ma anche dell’obesità.

La pasta ha quindi un ottimo potere saziante ed è perciò preziosa alleata nei regimi ipocalorici, è anche facilmente digeribile e, grazie ai carboidrati, fornisce energia pronta per l’uso.

Sulla scia dell’aboliamo i cereali, si sta diffondendo anche la fobia del glutine. Ma non c’è alcuna ragione per eliminare il glutine se non si è celiaci, una condizione che colpisce l’1 per cento della popolazione. In un settore, quello delle diete, in cui la testa conta quasi più dell’intestino, bisogna tenere bene a mente che se non si è celiaci o se non si ha una comprovata sensibilità al glutine, non si ottiene alcun beneficio per la salute eliminando il glutine, tantomeno si dimagrisce. Inoltre, gli alimenti senza glutine non solo sono più costosi, quasi il triplo di un omologo con il glutine, ma spesso apportano calorie, zuccheri e grassi in eccesso, per compensare ai problemi di gusto e consistenza.

 

Nella sessione di chiusura del 27 ottobre si tratterà dell’importante tema della nutrizione: “Pasta is good for your health”. Le prove scientifiche sulle valenze nutrizionali della pasta e il suo ruolo centrale nella dieta mediterranea vengono ribadite da un gruppo di nutrizionisti internazionali (istituito da IPO e coordinato dall’organizzazione Oldways) che si incontreranno per aggiornare la dichiarazione di consenso scientifico sui benefici di pasta e presenteranno le nuove scoperte durante la sessione nutrizione.

Elisabetta Bernardi, Dario Migliardi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <section align="" class="" dir="" lang="" style="" xml:lang=""> <style media="" type="" scoped="">

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien