Come rendere più sostenibile la produzione del nostro cibo

Nutrire il pianeta e distribuire le risorse limitate che abbiamo a disposizione significa sostenere l’ambiente garantendo cibo e condizioni di vita migliori per tutti. E’ la sfida di Expo, la grande scommessa per il nostro futuro. Pensare al futuro, rendere più sostenibili agricoltura, allevamento e pesca nel rispetto dell’ambiente. Ma anche intervenire sul consumo sostenibile per ridurre gli sprechi e mangiare più sano.

Questo è il food print: il costo ambientale degli alimenti, l’impatto del cibo sul nostro pianeta. La produzione alimentare e l’allevamento hanno un notevole impatto ambientale, un costo troppo alto se si pensa che nei paesi industrializzati 1,3 tonnellate di cibo vengono prodotte e non consumate. In occidente si allevano 4 miliardi di capi bestiame e per ogni chilo di carne ci vogliono 20 mila litri d’acqua, mentre 1,2 miliardi di persone nel mondo sono colpite dalla siccità. Come si possono livellare queste disparità e consegnare un pianeta più sano alle nuove generazioni?

L’obiettivo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni è aumentare la produzione e la produttività garantendo sistemi di produzione alimentare sostenibili che proteggano la biodiversità e rafforzino la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici.


CLICCA SULLE PAROLE PER APPROFONDIRE

Il 10 ottobre se ne è parlato nei tavoli

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien